top of page

"CalaBRIOttu"

Nt’all’aria nc’e profumu’i gelsomini,

mbrischiatu c’a cipuddha di Tropea,

salami e nduja, quali….”patatini”

e a panza già si qqueta, già si bea;


E tutt’amuri, tutta poesia,

non è “biscottu”, è nu paninazzu,

è u cori r’u me cori, anima mia,

m’u sthringiu forti forti e po’ m’u mbrazzu!!!


Sintiti c’armonia, chi billizza,

amuri r’a Calabria, ‘u CalaBRIOttu,

zaghira e caciocavallu fatt’a thrizza,

chi scjauru, maronna, sugnu….. cottu!!


Brocculi i rrapa e nduja a non finiri,

c’u “CalaBRIOttu” mangiati’pi ‘du iorna,

‘chi cu’s’u mangia non poti cchiù fuìri,

cu’ s’u’ mangiàu u’digerisci e… torna.

Viniti genti, faciti pranz’e cena:

cu’ era tristi n’c spuntau’u sorrisu

cu’ non nisciva incinta ora è prena

perché u’CalaBRIOtto vi mmusthra u’.….PARARISU!!!!


Paolo Lacava


3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page